flash_news

Con il mese di settembre sono ripresi gli incontri con l’azienda Poste che proseguiranno nei prossimi giorni, dopo la parentesi obbligata della riunione chiesta urgentemente dalle OO.SS. per le conseguenze del sisma in Centro Italia, tenutasi il 30 agosto scorso.

Come noto, fra i temi in discussione restano alcune specificità Postecom, Postemobile, Postel ed il proseguo degli incontri relativi alla definizione del nuovo CCNL dei dipendenti di Poste Italiane, insieme alla costruzione del nuovo ” Fondo Sanitario” dei dipendenti di Poste italiane, per cui è stata costituita una Commissione mista OO.SS. e Poste italiane.

Nelle settimane scorse sono proseguite le riunioni relative alla definizione dell’accordo per il nuovo Premio di Risultato (2016) dei dipendenti di Poste italiane e delle altre aziende collegate, i cui verbali riproduciamo in allegato, insieme al comunicato sindacale unitario. (Postecom – PosteMobile – Postel).

Le difficoltà maggiori che si sono evidenziate nel corso degli incontri hanno riguardato la definizione del PDR in Postel, a causa della situazione contingente che sta attraversando questa società posseduta al 100% da Poste italiane.

In merito al trattamento fiscale delle somme erogate a titolo di acconto del Premio di Risultato, le OO.SS. hanno proseguito una nota di protesta in previsione della mancata applicazione – per quanto appreso – della tassazione agevolata sulla tranche in pagamento.

Relativamente al rinvio dell’applicazione del trattamento agevolato fiscale del 10% sugli importi del premio di Risultato 2016 Poste italiane ha fatto sapere, attraverso una nota dedicata in risposta alla protesta sindacale, di non potere aderire ad effettuare la defiscalizzazione al 10% dell’anticipazione di settembre, poiché non corrispondente al dettame della normativa vigente.

Si tratta di una novità insorta nell’anno in corso, cui l’azienda pone grande attenzione, per l’eventualità che una detassazione dell’anticipazione applicata a settembre possa essere considerata non coerente con la legge, che considera il PDR un emolumento che matura le condizioni al raggiungimento dei requisiti previsti dalle norme e dagli accordi contrattuali sottoscritti fra le parti. L’azienda ha comunque assicurato che con il conguaglio del PDR di giugno 2017 verrà applicata l’integrale detassazione del PDR spettante a ciascun dipendente in busta paga.

 

Verbale accordo PDR 26 luglio 2016     Comunicato Premio Risultato_Importi settembre 2016     Quesito rinvio detassazione Pdr 2016     Poste rinvia detassazione PDR

 

FOCUS POSTEL SPA

Nonostante l’impegno dei lavoratori in Postel (turnazioni H. 24), l’azienda già attraversata da svariate riorganizzazioni e cantieri che ne hanno mutato la fisionomia (riduzioni e chiusure di stabilimenti), continua a mostrare difficoltà. La disamina del bilancio annuale del Gruppo Poste riporta i dati salienti della società Postel che si colloca rispettivamente sesta per il “capitale sociale” impegnato e quarta per il suo “patrimonio netto”; il risultato operativo di Postel nel 2014 è stato pari a 3.364 (importo in migliaia di euro) con un risultato netto di 146 (migliaia euro), che rapportato alla situazione del 2015 mostra tensioni…

Dai dati del bilancio 2015, (Relazione Finanziaria Annuale – Appendice – dati salienti delle principali società del Gruppo Poste Italiane), riportiamo… In PostelRicavi  proventi e altri, nel 2015 sono stati (migliaia di euro) 224.366, in miglioramento sul dato dell’anno precedente (bilancio 2014) pari a 209.015 e corrispondente ad un +7,3%, ma a fronte di ciò il Risultato Operativo del 2015 è stato (migliaia di euro) di 570, a fronte del dato del 2014 pari a 3.364, cioè con una variazione di -83,1% (da tenere in conto che con effetti fiscali e contabili dal 1 gennaio 2015 la società Postel S.p.A. ha incorporato la società PostelPrint S.p.A.). L’organico stabile di Postel Spa nel 2015 è stato di 1.186 risorse più un organico flessibile di circa 33 unità.

Il miglioramento della voce “Ricavi” del 2015 è stato la prova del fattivo impegno dei lavoratori di Postel spa e per questo la F.A.I.L.P. si è battuta per ottenere il riconoscimento del Premio di Risultato ad ogni annualità e per l’anno 2016, che con la busta paga del mese di settembre determinerà il pagamento delle anticipazioni sull’importo totale pattuito (c.f.r. doc. allegato).

Postel nel mese di settembre è stata protagonista di alcune misure organizzative su cui si sono svolti confronti con il sindacato, pervenendo a soluzioni relative all’occupazione (possibilità di riallocazioni/mobilità infragruppo) di cui diamo notizia nel nostro sito e di una diversa articolazione degli orari di lavoro in produzione su cui si sta ancora svolgendo il relativo confronto con le OO.SS.

 

Importi Premio di Risultato POSTEL 2016       Accordo_PdR_PosteMobile_2016     Postecom Verbale Accordo PDR    2016      Comunicato premio di risultato 2016   Comunicato unitario pdr Postecom_Postemobile

 

POSTEL ACCORDI PER LA STABILIZZAZIONE 14 SETTEMBRE 2016 – SCHEMI DOMANDE

 

Nel corso di un incontro tenutosi il 14 settembre fra le parti la F.A.I.L.P., come le altre OO.SS. hanno sottoscritto verbali di accordo destinati ai lavoratori dipendenti di POSTEL S.p.A. per quanto concerne l’occupazione, le stabilizzazioni, le ridistribuzioni territoriali e le riduzioni del contenzioso, come dai rispettivi testi in allegato.

L’azienda, sulla scorta delle difficoltà che riscontra nel mercato ha indirizzato il suo Piano industriale verso “… azioni necessarie a conseguire l’atteso miglioramento competitivo e il risanamento della società”, sono queste le parole estrapolate da uno dei verbali di accordo sottoscritti il 14 settembre e nel corso della giornata ci siamo impegnati per ottenere tutte le garanzie necessarie per salvaguardare l’occupazione e superare le criticità dettate da errate manovre degli anni passati.

In Postel sono in atto cambiamenti strategici che coinvolgono il “Gruppo” ed interessano per lo meno “Postecom s.p.a.” e “Poste italiane s.p.a.”, basta osservare quanto ha deciso il CDA del “Gruppo”  in merito alle “Operazione di riassetto societario di Postecom S.p.A. e scissione parziale di Postecom in favore di Postel”.

Nell’incontro del 14 settembre l’azienda ha rappresentato un “… generale disequilibrio nella struttura dei ricavi  e dei relativi costi aziendali, tra cui è emersa un’eccedenza di personale che è stata contenuta in 120 risorse equivalenti, oltre ad una distribuzione delle stesse nei siti produttivi non coerente con gli attuali assetti di business”.

Da ciò le evidenze che hanno portato il sindacato ad ottenere iniziative volontarie di rientro dei contenziosi sul tema occupazionale e le altre azioni mirate ad attenuare le ricadute della ridistribuzione delle risorse a livello territoriale fra i vari siti (piani ferie, esodi incentivati, passaggi infra-Gruppo, riallocazioni, ecc…) descritte nei verbali di accordo in allegato.

Postel_Verbale_Calendario lavorativo 2016-2017_14set2016

Postel_Verbale Gestione Eccedenze_14set2016

Postel Verbale Accordo StabilizzazioniSomm e CTD_14set2016

Postel All 3a – LT Verbale conciliazione consolidamento – UI_14set2016

Postel All 3b – LT Verbale conciliazione consolidamento – DTL_14set2016

Postel All 1 – Dichiarazione di adesione CTD        Postel All 1 – Dichiarazione di adesione LT

Mobilità Postel_set 2016       Modulo mobilità infragruppo_set 2016

Postel Allegato 4 ver2_griglie_14set2016

Postel All 1 – Dichiarazione di adesione CTD – consolidamento_14set2016

Postel All 1 – Dichiarazione di adesione LT – consolidamento_14set2016

Postel All 3b – CTD Verbale conciliazione consolidamento – DTL_14set2016…

Postel All 3a – CTD Verbale conciliazione consolidamento – UI_14set2016

 

AGGIORNAMENTI FLOTTA AZIENDALE

L’azienda Poste ha intanto comunicato che sono in via di assegnazione i nuovi automezzi aziendali che – nelle more della definizione dell’iter procedurale di autorizzazione delle scatole nere (Black-Box), comunque avranno montato il dispositivo, in una modalità non funzionale (le OO.SS. non avevano concluso uno specifico accordo per il loro funzionamento), motivo per cui Poste italiane ha attivato il Ministero competente a concedere la prescritta autorizzazione, presentando le relative certificazioni (cfr. doc. allegati).

Poste Italiane_avvio consegna nuova flotta  Allegato 1 Certificazione Leasys   Allegato 2 Certificazione Arval

 

NUOVI BANDI INPS PER L’ASSISTENZA ED IL WELFARE

L’Inps ha pubblicato nelle apposite sezioni del sito web www.inps.it i nuovi bandi relativi ad alcune iniziative di assistenza e provvidenze a favore dei dipendenti del Gruppo Poste italiane.

Si tratta delle seguenti categorie :

– Bonus  per il conferimento di n. 600 contributi dell’importo di 500,00 euro in favore dei figli o orfani, nati nell’anno solare 2015, dei dipendenti del Gruppo Poste Italiane S.p.A. e dei dipendenti ex-Ipost, sottoposti alla trattenuta mensile dello 0,40% di cui all’art. 3 della Legge n. 208 del 27 marzo 1952, nonché dei pensionati già dipendenti del Gruppo Poste Italiane S.p.A. e già dipendenti ex-Ipost (scadenza domande entro il 31 ottobre 2016);

- Contributo per l’iscrizione e frequenza in ASILI NIDO 2015/2016 fino a 400 euro (scadenza domande 31 ottobre 2016)

- Borse di studio del valore di 1.300 euro per il quinto anno della scuola secondaria di secondo grado con il conseguimento del relativo titolo di studio (scadenza domande 21 settembre 2016).

In allegato seguono i nostri approfondimenti e le indicazioni per visualizzare il sito web dell’Inps ed i particolari di ciascun bando (Titolari, Beneficiari, Requisiti, Documentazioni, ecc…).

FailpNews nuovi Bandi Inps 2016