12_portalettere_tn

LE SCADENZE CONTRATTUALI DEL NUOVO CCNL PIU’ PROSSIME

Con la firma del nuovo CCNL dei dipendenti di Poste italiane si è stabilito il quantum da distribuire al personale in servizio a titolo di recupero dei mesi trascorsi a cavallo fra il vecchio CCNL ed il nuovo, cioè l’UNA TANTUM nelle buste paga dei lavoratori aventi diritto a norma dell’Art. 10 del CCNL 30 novembre 2017 (c.f.r. tabelle allegate e rispettive scadenze) in pagamento con il prossimo stipendio. Le somme spettanti verranno corrisposte a titolo di vacanza contrattuale per il periodo gennaio 2016 – novembre 2017, esclusivamente al personale a tempo indeterminato in servizio alla data di sottoscrizione del CCNL, assoggettandole all’aliquota IRPEF prevista per la tassazione separata.  Tali importi vengono corrisposti nella misura di 1/23 per ogni mese d servizio, o frazione di esso superiore ai 15 giorni, prestato nel suddetto periodo.

Tabelle aumenti e arretrati _allegati CCNL

NUOVO FONDO SANITARIO DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO POSTE ITALIANE

Qualche scadenza contrattuale sta subendo ritardi (es. la distribuzione del materiale attinente il FONDO SANITARIO DEI DIPENDENTI DI POSTE ITALIANE) dovuti, come abbiamo appreso dall’Azienda, ad esigenze organizzative (consentire la predisposizione di tutte le infrastrutture portanti che amministreranno la macchina / assicuratrice dedicata ai dipendenti che si iscriveranno al Fondo Sanitario), è previsto lo slittamento dell’iscrizione da MARZO 2018 ad Aprile 2018.

In allegato pubblichiamo il materiale informativo predisposto dall’Azienda sull’Assistenza Sanitaria Integrativa dei dipendenti: “Comunicato al personale, Chiarimenti sui Piani Sanitari, Modalità dell’adesione, Regolamento delle adesioni collettive”.

Nella “GUIDA Piano Sanitario” a partire da pagina 43 sono riportati gli elenchi delle prestazioni assicurate dal “FONDO” (Elenco Grandi Interventi Chirurgici, Elenco diagnostica di Alta Specializzazione, Elenco Prevenzione Cardiovascolare – Oncologica, Elenco delle prestazioni escluse dalle garanzie previste dal Pacchetto Base e dalla copertura Ticket, Condizioni di non assistibilità garanzia rendita vitalizia per Long Term Care, Critical Illness e Temporanea Caso Morte,  Esclusioni assistibilità Long Term Care, Critical Illness, Temporanea Caso Morte, ecc…).

Comunicato_Fondo_Sanitario         FAQ_Piano_Sanitario         Guida_Piano_Sanitario Regolamento_Adesioni_Collettive

LA NUOVA ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO POSTALE

Il confronto fra la F.A.I.L.P. CISAL, le altre OO.SS. che compongono il tavolo contrattuale dall’inizio del mese di gennaio e dall’altra parte Poste Italiane sta proseguendo sui temi che riguardano il futuro di Posta, Comunicazione e Logistica.

Si è trattato di sciogliere un nodo cruciale in cui siamo stati impegnati a salvaguardare il buon andamento dei servizi, l’efficienza e sostenibilità dei carichi di lavoro del personale applicato nella filiera che comprende la raccolta, il trasporto, le lavorazioni e la distribuzione dei volumi postali in tutto il territorio italiano, dai più piccoli centri alle grandi città e nelle aree metropolitane.

L’azienda ha proposto ipotesi di rimodulazione dei servizi e dei carichi di lavoro su cui è stato nostro avviso che non dovessero essere stravolte le esigenze dei lavoratori e quelle dei clienti di Poste italiane, insieme a tutto ciò che determina l’efficienza del SERVIZIO POSTALE UNIVERSALE in affidamento a Poste italiane dal 2011 al 2026, stando agli attuali protocolli sottoscritti con il M.I.S.E.

Se è vero che il sistema della comunicazione postale sta subendo una costante diminuzione dei volumi, sia a causa della contrazione delle spedizioni determinata dall’utilizzo delle nuove tecnologie (es. l’informatica), sia per la concorrenza fra gli operatori che si spartiscono il traffico, a volte accendendo contrasti e diatribe sulle quote e sui volumi, però è altrettanto vero che c’è un unico operatore in grado di presenziare l’intero territorio del paese, dalle isole, ai Comuni montani con le più piccole frazioni ed il sistema delle città di ogni dimensione, cioè POSTE ITALIANE che possiede una RETE DI RECAPITO insostituibile e capace di unire il paese grazie all’infrastruttura di P.C.L. I diversi tentativi di dividere e frammentare il servizio postale determinando AREE di serie “A” ed AREE di serie “B”, secondo la profittabilità dei ricavi e l’analisi dei costi / ricavi, non possono avere ragione della rigorosa esigenza di assicurare continuità, efficienza, modernità e capillarità del sistema. Il confronto è dunque difficile e nel frattempo deve tenere anche conto degli avvicendamenti nel management centrale di P.I. delle ultime settimane e delle nuove nomine ed incarichi in capo all’azienda.

Nella serata dell’8 febbraio è stato raggiunto il punto di incontro fra le parti e licenziato il testo dell’ipotesi di accordo sulla riorganizzazione del servizio postale che pubblichiamo nella NEWS dedicata a fianco. 

PERSONALE CON CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO DA ASSUMERE

L’Azienda ha comunicato che nei prossimi mesi, a fronte delle necessità che si potranno manifestare in P.C.L., è stata autorizzata l’assunzione di personale con CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO (F.T.E.) ai sensi dell’art. 19 Comma 1 del D.l.g.s. n. 81/2015 nel RECAPITO POSTALE come segue:

 Riepilogo per ALT    2.394 (dall’1.2.18 al 30.04.18)  1.643 (dall’1.2.18 al 30.06.18)
 Nord Ovest  478 372
 Lombardia  281 231
 Nord Est  335 248
 Centro Nord  231 90
 Centro 1  189 118
 Centro  493 366
 Sud  219 133
 Sud 1  101 28
 Sud 2  67 57

Analogamente per le esigenze dello smistamento che potranno manifestarsi sono stati autorizzati i seguenti contingenti di personale da assumere con  contratti a tempo determinato:

 Riepilogo per ALT    730  (dall’1.2.18 al 30.04.18)  492  (dall’1.2.18 al 30.06.18)
 Nord Ovest  113 97
 Lombardia  240 154
 Nord Est 71 44
 Centro Nord  66 61
 Centro 1  62 46
 Centro 102 55
 Sud 34 14
 Sud 1 25 21
 Sud 2  17 0