Uffici_poste impresa

Il 28 marzo 2018 si è conclusa una prima tornata di confronto con Poste italiane su temi normativi riguardanti Mercato Privati e non solo, giacché la materia delle FERIE, ossia il diritto dei lavoratori di potersi scegliere i periodi di riposo, compatibilmente con le esigenze datoriali, è sempre stato uno degli argomenti su cui l’Azienda  troppo spesso ha agito in modo autonomo, a volte “strizzando” l’articolo contrattuale che ne regola la fruizione in applicazione delle leggi vigenti.

Le ripetute segnalazioni sindacali delle difformità esistenti hanno condotto la FAILP CISAL ed altre OO.SS. a chiedere di discutere l’argomento per porvi soluzioni.

E’ quanto accaduto nell’incontro del 28 marzo in cui Poste italiane e le OO.SS. hanno raggiunto l’intesa che ha portato a sottoscrivere un VERBALE DI INCONTRO SULLE FERIE che detta principi compatibili con i diritti dei lavoratori e le esigenze datoriali di regolamentazione dei servizi.

Il testo del verbale dell’incontro è leggibile nell’allegato in calce, su cui sarà necessario vigilare attentamente, per evitare che nelle strutture decentrate di Poste italiane qualcuno perseveri nell’agire autonomamente, prendendo spunto dalle cosiddette improrogabili necessità datoriali della programmazione dei servizi”.

Sempre sulle materie normative, è intervenuto il chiarimento dell’Azienda richesto e sollecitato dal sindacato sui comportamenti territoriali in materia di PERMESSI INDIVIDUALI RETRIBUITI che sono una facoltà dei lavoratori e non un’attribuzione datoriale.

Con la specifica lettera che pubblichiamo l’Azienda ha chiarito a tutti i suoi responsabili territoriali per l’appunto che:

“Ai Responsabili R.U.O. Coordinamenti Territoriali Macro Aree – Oggetto: Art. 36 CCNL – Permessi Individuali Retribuiti. In relazione alla previsione di cui all’articolo 36, comma III, del vigente CCNL, richiamo la vostra attenzione su quanto previsto dal dispositivo contrattuale relativamente alla necessità che la prevista fruizione dei permessi in oggetto avvenga su richiesta del dipendente. F.to “

Nel corso dell’incontro Mercato Privati ha illustrato anche le modalità della sperimentazione che dovrà interessare un numero limitato di uffici postali (vedi dettagli allegato) in alcune aree geografiche / Uffici postali (Roma, Milano, Napoli e comuni), nei quali per rafforzare il personale presente negli orari di maggiore afflusso di clientela, sarà rideterminato l’orario al pubblico e quello di servizio di una quota del personale, attraverso l’introduzione di un turno con orario settimanale di lavoro su 5 gg. e recupero di 1 giornata libera infrasettimanale (orario di servizio 7 ore compresi 30 m. di pausa pranzo / 42 ore settimanali).

Detta sperimentazione al momento è prevista per la durata minima di un mese/max. tre mesi.

L’Azienda ha anche illustrato l’innovazione dell’introduzione di un diverso tipo di monitor ritenuti più adatti e performanti.

In allegato il verbale del 28 marzo, le documentazioni aziendali e il comunicato sindacale.

Verbale O.S.Poste Ferie_art. 36 CCNL

Comunicato intesa ferie 29 marzo 2018

Orari UP – Ipotesi Evolutive_v12 (002) (003)

PDL Migrazione Risoluzione Monitor 1024X768